Molte volte ciò che ci porta a iniziare a fare attività fisica è la volontà e il desiderio di cambiare il proprio corpo. Quante volte abbiamo sentito che fare movimento aiuta il corpo, migliora la capacità cardiovascolare, aumenta la capacità respiratoria e migliora l’umore? Tantissime vero?

 

 

E qualcuno vi ha mai spiegato invece quali sono i benefici dell’attività fisica sul vostro cervello?

Benefici dell’attività fisica sul cervello

Gli studi dimostrano che fare attività fisica protegge il cervello dall’invecchiamento cellulare, così come da diverse malattie come l’alzheimer la demenza, o le problematiche legate alla depressione. Oltre ai benefici a lungo termine, vi sono dei benefici che si verificano nell’immediato. Migliora il livello di energie, l’umore, la memoria, la capacità di attenzione. Fare esercizio fisico in maniera costante e con un’intensità adeguata, modifica non solo la funzionalità del cervello, ma anche la sua anatomia e la fisiologia.

Perché l’esercizio fisico è la miglior scelta per la salute del cervello?

Il cervello è la più complessa struttura umana. I neuroscienziati sono impegnati da sempre, per cercare di conoscerlo a fondo e capire come funziona. Ci sono due aree chiave che vedremo insieme oggi, per comprendere a fondo questo articolo.

La corteccia pre-frontale (subito dietro alla fronte), fondamentale per prendere decisioni, mantenere l’attenzione e per la personalità.

La seconda area, invece, si trova nei lombi temporali, ne abbiamo uno a sinistra e uno a destra. All’interno di questa zona si trova l’ippocampo, necessario per mantenere le memorie a lungo termine, i ricordi e gli eventi accaduti. Facendo attività fisica, queste due aree del cervello si modificano, andando a migliorare la qualità delle connessioni neuronali. In parole semplici, ricordiamo meglio, riusciamo a essere più concentrati e focalizzati durante le varie attività quotidiane. 

In che modo si modificano queste due aree?

L’ippocampo produce nuove cellule, l’aumento di questo numero di cellule aumenta il suo volume totale. Quindi di conseguenza aumenta la memoria a lungo termine. A livello della corteccia prefrontale invece, ciò che migliora è la sua funzionalità che ci permette di incrementare la nostra capacità di attenzione. Il più importante beneficio dell’esercizio fisico sul cervello è la sua funzione preventiva e protettiva. Immaginate il cervello come un muscolo, più lo si allena,  più forte e grande diventa. In questo modo facendo attività fisica in maniera costante nel tempo, l’ippocampo e la corteccia prefrontale migliorano e funzionano meglio.

Perché è così importante che queste due aree del cervello siano in salute? L’ippocampo e la corteccia prefrontale, sono le due aree del cervello più esposte alle malattie neurodegenerative e al degrado cognitivo. 

3 motivi per cui iniziare a fare attività fisica oggi

  • Ha benefici immediati sul cervello: un singolo allenamento incrementa immediatamente i neurotrasmettitori, cioè le sostanze che veicolano le informazioni tra i neuroni. Principalmente ad aumentare sono la dopamina, la seratonina e la noradrenalina. Questo incremento permette di migliorare l’umore subito dopo aver svolto dell’attività fisica;
  • Migliora la concentrazione: dopo un allenamento la nostra capacità di rimanere  maggiormente attenti e focalizzati può durare fino a due ore. Ecco perché molte persone scelgono di allenarsi al mattino, prima di iniziare la propria giornata. Se il vostro pensiero è “non ho abbastanza energia per farlo”, sappiate che avviene il contrario. È l’allenamento a fornirvi un surplus di energie, per affrontare ancora meglio le vostre giornate;
  • Migliora i nostri tempi di reazione: dopo un allenamento i nostri riflessi e la capacità di reazione diventano più efficaci, siamo più veloci nel reagire a una data situazione o nel prendere decisioni, di qualunque tipo. 

 

Quanto a lungo e quante volte è necessario fare attività fisica perché vi siano effetti sul cervello?

Non immaginate di dovervi allenare ogni giorno per due ore al giorno, anzi.

Bastano 3 o 4 allenamenti a settimana per un minimo di 30 minuti per sessione. Non basta però, allenare i muscoli, per intenderci in sala pesi o con una sessione di functional training. Per avere questi effetti sul cervello, è necessario svolgere anche un’attività cardiovascolare. “Non amo la corsa”, va bene, puoi camminare a rimo sostenuto per trenta minuti, la mattina prima del lavoro o la sera quando rientri. Andare in piscina, o fare una pedalata nelle campagne, dedicandoti solo a quell’attività. Non è necessario andare in palestra, o spendere soldi. L’esercizio fisico è gratuito. 

Essere consapevoli che ogni volta che muoviamo il nostro corpo, stiamo facendo del bene non solo alla nostra forma estetica, ma a tutto il nostro sistema corpo-mente e quindi al nostro cervello, può fare la differenza. A volte si fa fatica ad accogliere uno stile di vita, pensando che stiamo facendo prevenzione per il futuro. Farlo però, si rivela spesso una scelta vincente.

 

quando l'allenamento non basta per ottenere risultati estetici
reggiseno sportivo: perché è fondamentale indossarlo quando ci si allena