restare in forma durante le feste con Zen Pasta

La pasta è uno dei piatti principali dell’alimentazione italiana. Al tempo stesso, è uno dei primi alimenti che viene eliminato nella dieta di chi vuole restare in forma o perdere peso. Non tutte le paste sono uguali. Zen pasta, ha creato la pasta adatta anche a chi tiene al proprio corpo.

Perché la pasta classica è nemica del dimagrimento?

La pasta, quella con farina di grano duro, è un alimento ad alta densità energetica, circa 350 kcal/100 gr di alimento. Al suo interno, i carboidrati rappresentano circa l’85%, seguiti da un 12% di proteine e da un limitatissimo 1% di grassi. Una domanda può sorgere spontanea: come mai se i grassi sono così pochi, il consumo di pasta va limitato? La ragione va ricercata nell’indice glicemico di questo alimento e nella quantità limitatissima di fibre contenute al suo interno. Infatti, nella pasta di grano duro non è possibile riscontrare fibre a sufficienza affinché la pasta sia un alimento ottimale per sportivi e salutisti. In 100 grammi di pasta ci sono 72 gr di carboidrati  e solo 3 gr di fibre. Questi due valori nutrizionali, rendono la pasta un alimento ad alto indice glicemico.

Cosa significa tutto ciò in termini pratici? Per esempio, mangiare un piatto di penne rigate con olio e grana, permette di essere sazi velocemente, ma dopo poco più di un’ora la sensazione di sazietà sparisce. Non è la pasta di per sé ad essere nemica di chi vuole restare in forma, ma il tipo di materie prime con cui è prodotta, la quantità di fibre contenuta all’interno e il modo in cui gli alimenti sono lavorati. Proprio per questo in commercio esistono “paste alternative” che possono essere consumate quotidianamente, senza rinunciare al gusto.

Zen pasta, l’alternativa vincente

Da qualche mese a questa parte è possibile trovare diversi tipi di pasta ad alto contenuto di fibre, anche nei supermercati. Una pasta con un ridotto quantitativo di farina raffinata e con un elevato contenuto di fibre va a moderare l’andamento della glicemia nel sangue. Sicuramente avrete sentito parlare della pasta di legumi o di quella di lenticchie. Ma sapevate che esiste una pasta con la farina di konjac?

Innanzitutto cos’è il konjac? È una pianta particolare che viene usata da millenni nella cultura orientale. Cresce nelle forteste del sud-est asiatico e viene coltivata seguendo i principi dell’agricoltura biologica. Da questa pianta, viene estratta una fibra idrosolubile particolare, il glucomannano. Questa fibra permette di rallentare l’assorbimento di carboidrati e grassi , mantenendo la glicemia costante e riducendo il colesterolo. Il consumo di questa, permette di rallentare la digestione e prolunga il senso di sazietà, indispensabile per chi segue un regime alimentare dietetico. È naturalmente priva di glutine e quindi adatta anche a chi sostiene una dieta senza glutine per scelta o necessità.

Pasta Zen contiene un quantitativo di fibre 5 volte superiore a quello della pasta classica e fino a 3 volte in più rispetto alla pasta integrale. Inoltre ha il 50% in meno di carboidrati e lo stesso apporto proteico.

Perché sceglierla durante le feste?

Durante il periodo natalizio l’assunzione di carboidrati e zuccheri aumenta esponenzialmente. È davvero difficile rinunciare al cibo o limitare l’assunzione di alimenti sfiziosi. La chiave vincente quindi può essere, scegliere le materie prime e provare a stupire i propri commensali con una pasta dal sapore buono come quella classica. In questo caso, la fibra idrosolubile contenuta nella Zen pasta, può aiutare a gestire il picco glicemico causato da tutti quei cibi grassi e zuccherini che vengono serviti in tavola. Qualche compromesso si può fare, senza rinunciare al gusto, naturalmente.

È possibile acquistare la Zen pasta sia online (clicca qui), che nei negozi specializzati biologici o per alimentazioni consapevoli.

ZenPasta sostiene il progetto: “Benessere in Gravidanza: tra fitness e alimentazione” .