About me

Mi chiamo Beatrice, sono un’atleta e una Personal Trainer.

Sono nata e cresciuta in un paese in provincia di Bergamo, dove ho iniziato a tre anni a praticare sport. Sono partita come molte bambine dalla ginnastica ritmica, passando poi per il minibasket, il calcio, l’hip hop, fino ad incontrare lei: l’atletica leggera.

Ho iniziato con le corse campestri e solo in un secondo momento ho conosciuto la pista.

Da quel giorno non ho più saputo farne a meno.

Se prima era una semplice passione, coltivata nei pomeriggi dopo scuola, man mano che gli anni passavano è diventata una scelta di vita. Uno sport così democratico (più o meno) in cui a fare da giudice c’è solo un cronometro, ti insegna cos’è l’arte del sacrificio e che puoi contare solo su te stesso. Le gare sono il risultato di ciò che con perseveranza fai nei restanti giorni dell’anno in allenamento, così come ogni conquista nella vita. Questo sport mi ha insegnato a superare gli ostacoli, perciò quella che potrebbe sembrare una semplice metafora esistenziale, è diventata la mia specialità: 400 metri ad ostacoli.

Ad oggi colleziono diverse medaglie vinte ai campionati italiani individuali giovanili e altre conquistate con la mia squadra, la Bracco, nelle staffette 4×400 e 4×200.

Finito il liceo, davanti alle infinite possibilità per il futuro, indecisa se iscrivermi a lettere o psicologia, decido di far diventare la mia passione per lo sport e il mio interesse per la salute della persona, un percorso formativo. Mi iscrivo a Scienze Motorie e dello Sport e per continuare anche il percorso da atleta, faccio le valigie e porto tutto a Milano. Mi trasferisco e lì ricomincio. Un nuovo allenatore, nuovi compagni di allenamento e nuovi libri su cui studiare, aprono le porte di un mondo nuovo, nei confronti del quale ero piena di curiosità e interesse. I soli testi universitari non mi bastavano più e mese dopo mese è iniziata una ricerca personale per capire come benessere, alimentazione e prevenzione delle malattie siano correlati.

A seguito di una mia squalifica alla finale di un campionato italiano cominciai a capire quanto l’aspetto mentale fosse importante sia ai fini della performance sia nella vita quotidiana.

Mi avvicinai così alla Mindfulness e allo Yoga, che ancora oggi sono due fra i miei fedeli alleati.

Contemporaneamente alle attività di tirocinio curricolare con le quali mi sono avvicinata alla realtà delle palestre milanesi, decido così di allenare un gruppo di runners. Composto inizialmente da quattro persone che si approcciavano alla corsa per la prima volta. Non ho potuto non accettare la sfida e così il running club nel giro di un paio di anni è cresciuto di numero, così come le loro prestazioni.

Divento Personal Trainer (certificazione Issa Eu) e inizio a costruire programmi personalizzati per i miei primi atleti.

Mi laureo con una tesi dal titolo “Mindfulness: l’importanza della consapevolezza nella pratica sportiva” e da quel momento intraprendo un percorso che mi porterà ad approfondire sempre di più le mie conoscenze in questo ambito fino a diventare istruttrice di Mindful-Running.

Seguo una filosofia nello svolgere il mio lavoro: non alleno nessuno con il solo obiettivo di migliorare il rapporto massa magra e massa grassa. Ho a cuore il fatto che le persone, oltre a perdere peso e tonificarsi, migliorino la propria autostima, imparino ad avere un’attitudine vincente e come ricavare energie dal cibo. Per questa ragione oltre al programma di allenamento ritengo importate uno scambio continuo con i miei atleti al fine di consolidare la loro consapevolezza nell’esprimere al meglio le proprie potenzialità.

Un corpo è sano solo se nutrito ed allenato nel modo giusto ma non c’è benessere reale se non si cura anche la dimensione mentale e interiore.

L’unico percorso che funziona è quello pensato su misura per te.

Scrivimi per richiedere informazioni e fare una lezione di prova.

4 + 0 = ?